Friuli > Pordenone > Vajont Valcellina > Erto e Casso > Vajont > Moliesa > free climb
diga del Vajont

Vajont - Erto e Casso (Pordenone)

palestra Moliesa di Casso - Erto e Casso - diga del Vajont palestra naturale di arrampicata Moliesa di Casso - Diga del Vajont

Si trova tra Erto e Casso, proprio ai margini di quello che fu il lago del Vaiont.
Le placconate di Casso, proprio lungo il lago del Vajont ricoperto dalla frana, sono ormai considerate un tempio dell'arrampicata sportiva.
Non manca qualche itinerario medio-facile, però in prevalenza si tratta di vie difficili ed estremamente difficili.


Longarone-Vajont-Cimolais
Moliesa di Casso, Vajont
quota550
avvicinamentopochi minuti
alt.max. vie m. 50
esposizioneprinciplamente verso sud
difficoltàmedio difficili e anche molto difficili
tipo di roccia e arrampicata  calcare compatto con prevalenza di vie in placca e strapiombo
periodoprimavera e autunno
palestra Moliesa di Casso - Erto e Casso - diga del Vajont
palestra Moliesa di Casso - Erto e Casso - diga del Vajont
palestra Moliesa di Casso - Erto e Casso - diga del Vajont
palestra Moliesa di Casso - Erto e Casso - diga del Vajont
palestra Moliesa di Casso - Erto e Casso - diga del Vajont
palestra Moliesa di Casso - Erto e Casso - diga del Vajont

raggiungere Erto e Casso Valle di Vajont e la diga del Vajont (Pordenone)


La strada più comune passa per Longarone (Belluno), paese tristemente noto, raggiungibile con l'autostrada d'Alemagna Venezia-Belluno all'ultima uscita a Longarone. Dal centro di Longarone, indicazioni varie, proseguire per Castellavazzo e Vajont.
Da Pordenone, Maniago e il Friuli, la strada più breve, ma più complicata anche se interessante, è per il lago di Barcis (lunga galleria della Valcellina), risalire poi la Valcellina fino a Cimolais e scavalcare il docile passo di Sant'Osvaldo.

Proprio sopra la diga si trova il paese di Casso. E' raggiungibile dai pressi della diga del Vajont (proseguire verso Erto, Sant'Osvaldo per circa un chilometro), sulla sinistra si dirama una stradina asfaltata (indicazione) che in alcuni chilometri davvero molto tortuosi, parecchio ripidi e con difficili tornanti, sale al piccolissimo paese.
Una sola piccola piazzetta permette il parcheggio di poche automobili.
Il paese è visitabile esclusivamente a piedi ed è raccomandabile calzare robuste scarpe con suola scolpita o, meglio ancora, scarponcini, in quanto è un susseguirsi di strette viuzze e gradini ripidi e scivolosi.

Erto, sede municipale e paese quasi completamente ricostruito, si trova qualche chilometro più avanti lungo la strada principale in direzione passo Sant'Osvaldo e Cimolais.