Dolomiti > cicloturismo > Marmolada
Dolomiti, cicloturismo

cicloturismo nelle Dolomiti

Marmolada
Ai piedi della regina Marmolada

Alleghe, Caprile, Arabba, passo Campolongo, Corvara in Val Badia, passo Gardena, passo Sella, Canazei, passo Fedaia, Alleghe.
Grandiosa cavalcata che fa provare quella sottilissima emozione che ti prende passando da una valle all'altra con ambienti, climi, culture, lingue diverse (dal dialetto Veneto, al Ladino, al Tedesco, al dialetto Trentino in una manciata di chilometri).
Uno straordinario alternarsi di sudate salite e fresche discese.
Una incomunicabile avventura riservata esclusivamente al ciclista.

Si toccano quattro grandi valli profondamente diverse e paesaggisticamente straordianarie.

Sul Sella, che considero in assoluto il più magnifico passo stradale alpino, l'occhio spazia sul Sassolungo con le Cinque Dita e il Sassopiatto, le incombenti Torri del Sella, il profilo del levigato Piz Ciavazes, la grandiosa parete del Sass Pordoi tagliata dalla grande e caratteristica cengia che divide la Dolomia Sciliar dalla Dolomia Principale, più in la l'inclinato ghiacciaio della Marmolada e, proprio sotto, la Val di Fassa.

Scendendo dal Fedaia incredibile lo stretto burrone dei 'Serai' e poi ogni parola è insufficente a descrivere 'la parete delle paretì'. La nord/ovest del Civetta d'un colpo si ammira nella sua immensità per poi concretizzarsi pian piano e alla fine specchiarsi, maliarda, sul lago di Alleghe.

Civettail percorso in dettaglio

Da Alleghe per Caprile e quindi la salita di Sopracordevole e Salesei raggiungere Arabba.
In alternativa, di poco più lunga e leggermente meno dura, si può salire da Caprile verso destra seguendo le indicazioni per "passo Falzarego", transitando per il bivio per Colle Santa Lucia e il bivio Cernadoi dove si gira a sinistra alla volta di Arabba.

Scavalcato il facile passo Campolongo si giunge a Corvara situata in una bella conca con splendide visioni dolomitiche.
Si scalano i leggermente più impegnativi tornanti del passo Gardena sotto gli imponenti bastioni nord del Pisciadù.

Si costeggia dapprima in discesa quindi in salita la bastionata ovest del Sella per giungere all'omonimo passo con immense visioni di cime dolomitiche.
Si scendono i tornanti sotto il Piz Ciavazes e lasciato sulla Sx il bivio per il passo Pordoi si scende ancora nel bosco a Canazei.

L'ultima salita che ci attende è quella del passo Fedaia, mai faticosa (da questo versante) e magnifica paesaggisticamente, con grandiose visioni sul Gran Vernel, arrivando a quel grande serbatoio d'acqua alimentato dal poderoso ghiaccio della Marmolada che è il lago di Fedaia.

Dalla punta del lago con alcuni tornanti, micidiali in salita ma non in discesa..., e con un ripidissimo rettilineo si piomba alla ben nota Malga Ciapela da dove, seguendo possibilmente la strada (lasciare -Dx tra gli alberghi- la strada principale) che scorre nella strettissima gola dei 'Serai', si arriva a Rocca Pietore.

In breve all'incantevole lago di Alleghe dopo il lungo rettilineo in leggera discesa.

note

  • L'anello si può compiere anche in senso orario (all'inverso di quello descritto), tuttavia la salita al Fedaia è di gran lunga più dura, pertanto il percorso diviene meno godibile, a meno che non si cerchino proprio le salite dure...
  • Alcune gallerie abbastanza lunghe si trovano nella salita per Arabba, sono comunque ben illumintate
  • Nella salita da Canazei a Fedaia alcune brevi gallerie non destano problemi
  • Nel periodo turistico la gola dei Serai potrebbe essere transitabile solo a senso unico in salita, anche per le biciclette (comunque interdetta alle auto)
  • Il passaggio per la gola dei Serai potrebbe essere a pagamento
  • Se si scende da Malga Ciapela per la strada nuova (sconsigliato) anziché per i 'Serai', lunga galleria illuminata, possibilmente meglio non perdere i Serrai
  • Il lago di Alleghe si è formato nel 1600 a causa di una grossa frana che ostruì lo sbocco della valle, sul fondo vi sono ancora i resti del paese sommerso

Arabba, passo Campolongo, Corvara, passo Gardena, passo Sella, passo Fedaia
partenzaAlleghe (Belluno)
rifugirifugi al passo Gardena, rifugi al passo Sella, rifugi al passo Fedaia
km. totali100
km. di salita55
dislivello2.400 metri
quota massima 2.244 metri al passo Sella
pendenza max.12 %
quandoda luglio a ottobre, il primo autunno è il momento migliore
noteevitare le domeniche estive
difficoltàgiro mediamente impegnativo ma da non sottovalutare, solo per cicloturisti con bicicletta da corsa, allenati e abituati alle lunghe cavalcate dolomitiche
cartografiaDolomiti 1:200.000 Touring Club Italiano
gps bdc mtb
mappa percorso cicloturistico passo Gardena, Sella, Fedaia